Associazione nazionale Alpini Sezione di Asti



Sei qui: Home ADUNATA NAZIONALE 2016 LA DOUJA DELL’ALPINO

LA DOUJA DELL’ALPINO

PDF Stampa E-mail

SONO 172 I VINI ASTIGIANI IN DEGUSTAZIONE ALLA DOUJA DELL’ALPINO
SPECIALE EDIZIONE PER L’ADUNATA DI ASTI A CURA DELL’ONAV
DA OGGI A DOMENICA AL PALAZZO DELL’ENOFILA

Il palazzo dell’Enofila, oltre alle mostre storiche e fotografiche, ospita anche uno speciale salone dei vini: “La Douja dell’Alpino”.Il nome douja indica la brocca in legno o ceramica che si usava una volta nelle cantine per i travasi ed era abitualmente sui tavoli delle osterie: Gianduja è la maschera piemontese. Per gli astigiani la “Douja d’or” è sinonimo di concorso enologico nazionale che ad ogni settembre, da quasi mezzo secolo, premia i vini italiani. Quest’anno lascerà l’Enofila per tornare nei palazzi e nei cortili del centro. La vecchia vetreria e ai primi del Novecento stabilimento enologico con l’Adunata ospita dunque “La Douja dell’Alpino”.“Non poteva mancare la presenza significativa del vino astigiano alla nostra Adunata – commenta Adriano Blengio, presidente della sezione di Ana di Asti

 e così in collaborazione con la Camera di commercio e il decisivo sostegno del suo presidente Renato Goria, abbiamo lanciato una selezione rivolta ai produttori piccoli e grandi del territorio per offrire agli alpini che arriveranno ad Asti un panorama completo delle produzioni enologiche“.La risposta è stata importante. I degustatori dell’Onav (Organizzazione nazionale assaggiatori vino che fu fondata ad Asti nel 1951 e oggi ha migliaia di aderenti in tutt’Italia) hanno selezionato 172 dei 270 campioni di vino inviati.E’ nata così una cantina straordinaria con banco d’assaggio aperta al secondo piano dell’Enofila da giovedì dalle 17 alle 23. Venerdì e sabato dalle 11 alle 23 e domenica dalle 11 alle 20.“Abbiamo il piacere di far assaggiare agli alpini e ai tanti visitatori in questi giorni dell’Adunata un’ampia e rappresentativa selezione delle nostre migliori barbere d’Asti, del Monferrato e del Nizza, del Moscato d’Asti e anche Grignolino, Cortese, Freisa, Brachetto, Alta Langa e tutte le altre doc e docg del territorio riconosciuto dall’Unesco come patrimonio dell’Umanità” commenta Mirella Morra, responsabile delle selezioni dell’Onav e coordinatrice del banco d’assaggio. Un viaggio nel mondo del vino astigiano che sarà possibile avviare con 5 euro che per il visitatore della “Douja dell’Alpino” danno diritto a tre degustazioni. C’è anche un catalogo che elenca i 172 vini in vendita a prezzi promozionali nell’area enoteca.  Ci sarà anche l’angolo delle foto ricordo e dei selfie con cartelloni di vigneti a far da sfondo per immortalare la visita all’Enofila.